Notizie

Pubblicato il Bando per l'Oscar della salute 2016 - scadenza in marzo 2016

Un premio di 2mila euro per il progetto più innovativo messo in campo da un Comune italiano nel 2015 sui temi della promozione della salute e quattro premi minori ad altrettante città. La Rete Nazionale Città Sane OMS ripropone la nona edizione dell'Oscar della Salute – Premio Nazionale Città Sane volto a valorizzare le buone prassi attuate a livello locale in materia di promozione della salute.

Invecchiamento in salute - 3 e 4 marzo Udine: atti del convegno

Giovedì 3 e venerdì 4 marzo, Udine ha ospitato il meeting internazionale HATF (Healthy Ageing Task Force), organizzato dal Comune in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, Ufficio Regionale per l'Europa di Copenhagen e la Rete Italiana Città Sane, di cui Udine detiene la vice-presidenza. Un'occasione d'incontro, riflessione e dialogo tra le città della Task Force europea sull'invecchiamento attivo, di cui Udine è capofila dal 2008, le città della Rete Italiana Città Sane e i soggetti locali che operano nello stesso ambito.

Giornata formativa Rete Città Sane - OMS: Modena 11 dicembre 2015

La Rete offre alle città una giornata formativa sui temi delle disuguaglianze di salute, dei bandi europei e della riqualificazione urbana. Gli incontri si svolgeranno presso la Sala ESPO Modena in Via Nicolò dell’Abate 66 a Modena (accanto alla Stazione Centrale). Guarda il programma nei dettagli e scarica le presentazioni

Flash Mob 28 novenbre 2015 - Special Olympics

Sabato 28 novembre alle ore 16.00 in molte piazze d'Italia si svolgerà il FLASH MOB organizzato da Special Olympics, il più diffuso programma di attività sportiva per persone con disabilità intellettive nel mondo. La sua mission è l’inserimento nel mondo sociale di queste persone attraverso lo sport, che fornisce benefici a lungo termine sulla salute, l’autostima, l'autonomia e l’integrazione sociale.

Milan Urban Food Policy Pact: giovedì 15 ottobre a Palazzo Reale 100 Sindaci firmano per un'alimentazione sostenibile

Cento sindaci provenienti dalle città di tutto il mondo firmano un patto per rendere le politiche alimentari urbane più sostenibili. Avviene giovedì 15 ottobre durante un grande evento organizzato dal Comune di Milano nella prestigiosa Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale. Tra i Comuni firmatari che interverranno ci sono Mosca, Dakar, Barcellona, Atene, Astana, Belo Horizonte, Bruxelles e Dubai. In Italia firmeranno diverse città della Rete Città Sane OMS: Ancona, Arezzo, Bologna, Foggia, Genova, Milano, Modena, Molfetta, Sacile, Torino, Venezia e Udine.

Città in salute - Strategie per migliorare la promozione della salute nelle aree urbane: 14 ottobre, Milano

Con il termine “healthy cities” vengono indicate quelle città che creano e migliorano continuativamente l’ambiente fisico e il contesto sociale di riferimento, mediante la promozione degli stili di vita sani e l’organizzazione di campagne di educazione sanitaria. Si parlerà di questo e di altro al convegno organizzato dal Politecnico di Milano: la Rete Città Sane sarà presente

Seminario di formazione - Comunicare il coma - Bologna, Lunedì 5 ottobre

Nell’ambito delle iniziative in occasione della Giornata Europea dei risvegli, si terrà il seminario dedicato a un particolare segmento della comunicazione sanitaria quella legata agli esiti di coma e ad una particolare persona che molto spesso non ha quella facoltà di autodeterminazione che ricade nel suo ambito familiare. Dalle ore 9.00 alle ore 13.30 presso Auditorium - Regione Emilia Romagna - Viale A. Moro, 18 - Bologna : anche la Rete Città Sane sarà presente.

“Le Città Sane: promuovere salute e benessere nelle comunità urbane” - Torino 9 ottobre 2015

L’impegno delle Città Sane è quello di considerare la salute come punto centrale delle proprie politiche, dimostrando di non subire gli eventi e il progresso, ma di essere in grado di guidarli in funzione della promozione della qualità della vita dei cittadini. In secondo luogo, proprio le città sono i luoghi che più facilmente possono stimolare la partecipazione e aprirsi ai contributi della società civile, delle associazioni e dei cittadini.