Città Sane e Sostenibili

La Salute non è solo assenza di malattia, ma è un completo stato di benessere fisico, mentale e sociale. La Salute è una risorsa della vita quotidiana.

Perché una “Città Sana”

La Salute non è solo assenza di malattia, ma è un completo stato di benessere fisico, mentale e sociale.

La Salute è una risorsa della vita quotidiana.

La “Città Sana” non è quella che ha raggiunto un particolare livello di salute, ma quella che sceglie con energia di migliorarla. È una città che costantemente crea e migliora i contesti fisici e sociali ampliando le risorse della comunità, permettendo ai cittadini di aiutarsi a migliorare tutti gli aspetti della vita e a sviluppare al massimo il proprio potenziale.

Una buona Salute è una risorsa capitale per lo sviluppo sociale, economico e personale.

Il progetto “Città Sane”

Il Progetto “Città Sane” è promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Agenzia specializzata delle Nazioni Unite per la Salute che opera con l’obiettivo di assicurare alla popolazione mondiale il più alto livello di salute.

È l’unico caso in cui l’OMS lavora direttamente con i Governi locali, tramite il suo Centro per la Salute Urbana ed una rete di città, le Città Sane, per supportare i Paesi nel promuovere la concezione e la consapevolezza della Salute Pubblica, sviluppare le politiche locali per la salute ed i programmi sanitari, prevenire e superare le minacce ed i rischi per la salute, anticipare le sfide future per la salute.

Già oggi oltre la metà della popolazione a livello mondiale vive nelle città e, nella regione europea, l’OMS stima che la percentuale abbia raggiunto i due terzi. È un fenomeno in aumento con grande velocità in tutti i continenti.  È di estrema importanza, quindi, il modo in cui le città sono governate per la ricaduta sulla salute che rappresentano le politiche locali.

Il quadro di riferimento è quello della “Carta di Ottawa” (1986), in cui l’OMS ha ridefinito il concetto di salute e il suo legame strettissimo con la città. Su di esse l’OMS punta, orientandone l’attività su tre punti fermi:

  • l’integrazione tra le politiche di gestione diretta della salute e le politiche strategiche che appartengono ad altri settori dell’attività amministrativa, ma hanno un’influenza sulla salute dei cittadini intesa in senso ampio;
  • la promozione di uno sviluppo della città fondato sull’equità, sulla sostenibilità e sull’attenzione alla persona, al suo valore e alle sue esigenze;
  • la partecipazione dei cittadini alle scelte politiche che hanno un effetto concreto sulla loro vita.

Articolo a cura di:

Alessandra Pedone, Coordinatore Centro Francesco Redi (Centro Formazione e Ricerca sociosanitaria), Referente per il comune di Cortona del Comitato Tecnico della Rete Italiana di Città Sane.

Roberto Romizi, Medico di medicina generale e Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente.

Leggi l'articolo completo su Siamo Benefit! Il blog di Apoteca Natura